social Accademia di graphic design e multimedia skype Accademia di design linkedin Accademia di graphic design livestream Accademia multimedia you tube Accademia di fotografia twitter Accademia di cinema facebook Accademia audiovisivo

+ digita login e password per accedere all'area studenti






+ iscriviti alla newsletter per essere aggiornato costantemente sugli eventi e ricevere informazioni sull'accademia.

newsletter Accademia di design


Accademia di graphic design e multimedia

Universita di graphic design e multimedia
eventi culturali
  • GIUPÌ E BRIGHELA

  • 26/03/2011
  • spettacolo teatrale

    GIUPÌ E BRIGHELA

    Regia di Luciano Bertoli | Produzione Associazione Culturale S.R.

    Scenografia di Andrea Anselmini

    realizzate da Laboratorio 4A dei f.lli Anselmini

    Luci di Sergio Martinelli

    Sabato 26 marzo ore 16.00 e ore 21.00 - Domenica 27 marzo ore 21.00
    Teatro S. Giovanni – C/da San Giovanni, 12 – Brescia

    In scena Sara Manduci | Andrea Manni | Enrico Re | Tiziano Terraroli |
    Richy Venosta |
    Sara Martina Venosta | Chiara Zani

    Giupì e Brighela e fiorisce, immediato, un sorriso inconscio. Sì,
    perché le due maschere riportano d’un volo all’infanzia, a quando il
    teatrino del burattinaio sostava nei paesi e lasciava un’ora di magica
    fantasia, di bonarie bastonate, minuscole
    lezioni di vita dove i birboni non la passano mai liscia. Egidio
    Bonomi, con un’operazione alquanto libera, ripropone Giupì e Brighela
    recitato da attori veri in abiti di maschere della commedia, in un
    miscuglio di dialetti: bergamasco quello
    di Giupì; veneziano quello di Brighela (un abuso, visto che la
    maschera è bergamasca come Giupì); bresciano quello di Leànder, Macù e
    dell’innamorata Flaminia; milanese quello di Ambrogina e italiano
    sghembo quello del conte Alfranio Tegola e del marchese Tartaia. I
    “gioppini”, dunque, che recitano la vita, sorridendo e divertendo. La
    pièce di Egidio Bonomi assume così il sapore dell’originalità
    assoluta, nel senso che i burattini sono uomini, quasi estensione
    della vita quotidiana, mai del tutto seria, mai del tutto ilare. Senza
    dire che l’idea è unica nel panorama ormai vasto - per - per quanto
    non sempre plausibile - del teatro dialettale.
    Costo del biglietto €7,00.



<
Luglio 2014
>
Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
       
  • SO/STARE
  • 23/06/2013
  • MAC, MUSEO DI ARTE CONTEMPORANEA DI LISSONE