social Accademia di graphic design e multimedia twitter Accademia di cinema facebook Accademia audiovisivo you tube Accademia di fotografia linkedin Accademia di graphic design


Accademia di graphic design e multimedia

Universita di graphic design e multimedia
  • LABA INTERNATIONAL in CINA

  • 29/01/2013


  • Occhi a mandorla tra i banchi che ascoltano lezioni in italiano, ma non solo di lingua e cultura. Parlano anche di progettazione e design, moda, graphic design. Sono i tre insegnamenti appena introdotti al Politecnico di Ningbo ma assolutamente Made in Italy, grazie alla collaborazione con l'Accademia di Belle Arti Laba di Brescia. L'Italia, si sa, esporta stile. In questo caso anche attraverso la teoria e l'insegnamento, con una ricerca all'avanguardia, trapiantata in un contesto internazionale che ha il suo quartier generale nel distretto di Beilun, a Ningbo, città che si trova nella provincia cinese dello Zhejiang.
    L'accordo è stato siglato, gli spazi non mancano, i docenti sono stati nominati.

    Rose-marie Bresciani, stilista italo-tedesca con alle spalle collaborazioni con brand internazionali come Romeo Gigli, Cinzia Ruggeri, Porsche design, è la responsabile della didattica. Ha accettato la sfida di dedicare la sua professionalità di stilista di haute couture alla realizzazione di corsi di progettazione di alto livello, in cui concretamente coniugare aspetti tecnici e artistici. D'altronde l'arte è un pò il motore di tutto ciò, alla base della stessa Laba, fondata dodici anni fa da un'idea di Roberto Dolzanelli, artista e direttore dell'accademia bresciana, Luigi Bracchi, architetto e presidente di Laba, e Alessandra Giappi, che è l'amministratore delegato. E in un'atmosfera artistica è stata avviata la collaborazione tra i due poli della formazione, con l'apertura della mostra di pittura "La meraviglia dell'innocenza", con la presentazione di alcune grandi tele realizzate da Dolzanelli esposte nel municipio di Beilun. Ad accompagnare la delegazione italiana in Cina c'era l'eurodeputato del PD Francesco De Angelis. Da parte cinese l'ospite era Lu Yongxiang, vicepresidente del Congresso della Repubblica Popolare Cinese. Ma c'à anche un'altra importante base operativa a fare da sbocco per lo stile italiano in Asia: in contemporanea all'apertura ufficiale di Laba International con una sfilata di moda di abiti realizzati dalle allieve del corso di Fashion design della Laba di Brescia, coordinato da Silvia Casagrande, è stato infatti inaugurato anche il design center Dedalo, anche in questo caso in un ambiente fortemente internazionale.
    Dedalo, che raggruppa una cinquantina di designer italiani e specialisti in vari settori merceologici tra cui Carlo Martino, Paola Pinnavaia, Piero Quintiliani, Francesco Paretti, ha i suoi uffici all'International Design Center di Hefeng, il quartiere creativo dedicato all'industrial design e alla moda. Animatori e responsabili delle due nuove realtà della creatività italiana in Cina sono Yanting Huang, general manager di Dedalo, Luigi Bracchi e Ke Zhang.